NOTAIO: non responsabile se l’acquirente non chiede chiarimenti

Compravendita di immobile libero da pesi, vincoli ed ipoteche “salvo una formalità”: l’espressione è chiara perciò il notaio non ha colpe

Cassazione civile, sezione terza | 12.02.2013 | n° 3285

Scarica documento - Scaricato: 0 volte.
La locuzione “salvo una formalità ipotecaria” inserita in un contratto di compravendita di immobile libero da pesi, vincoli e ipoteche non è ambigua sicché, ove l’acquirente non abbia fatto esplicita richiesta del significato dell’espressione, non può attribuirsi alcuna responsabilità al notaio rogante.
In questi termini si espressa la Corte di Cassazione, nella pronuncia n. 3285 del 12 febbraio 2013, resa al termine del giudizio inerente l’accertamento della presunta responsabilità professionale di un notaio per non aver avvertito l’acquirente di un immobile che il bene fosse gravato da ipoteca.
Invero, nel contratto oggetto del contendere, era presente l’espressione “salvo una formalità ipotecaria“, la quale è stata ritenuta dagli Ermellini non ambigua e quindi tale da escludere ogni profilo di responsabilità, sotto il profilo omissivo, del notaio.
Allo stesso modo, la circostanza che il soggetto acquirente dell’immobile non avesse chiesto alcun chiarimento in merito alla predetta espressione durante la lettura dell’atto, non faceva altro che confermare l’esclusione di ogni profilo di colpa a carico del notaio.

SEGNALA UN PROVVEDIMENTO

COME TRASMETTERE UN PROVVEDIMENTO

NEWSLETTER - ISCRIZIONE GRATUITA ALLA MAILING LIST

ISCRIVITI ALLA MAILING LIST

© Riproduzione riservata
Scarica documento - Scaricato: 0 volte.
Numero Protocolo Interno : 22/2017